“Tutto è cominciato dall’inizio”: Max Verstappen spiega come ha costruito il suo successo in Spagna



Max Verstappen (Red Bull, vincitore del GP di Spagna) : “Tutto è dipeso dall’inizio della gara, quando ho preso il comando e ho creato un gap durante il primo stint. Dopodiché ho dovuto fare una gara abbastanza difensiva perché Lando (Norris) e la McLaren erano molto veloci, soprattutto in relazione al degrado delle gomme. Penso che abbiamo fatto tutto bene, abbiamo adottato una strategia piuttosto aggressiva che alla fine ha dato i suoi frutti, il che mi rende felice.

(In movimento) Ho dovuto fare un po’ di rally in rettilineo, ho messo le ruote nell’erba, il che mi ha fatto perdere slancio. Ho preso il comando su Lando frenando tardi alla prima curva ed ero determinato a riconquistare il comando in modo da poter risparmiare le gomme. Si sono riscaldati molto velocemente a causa delle curve ad alta velocità e scivolavo molto. »

Lando Norris (McLaren, 2e): “Avrei dovuto vincere questa gara. Ho cominciato male, è semplice. La macchina era fantastica oggi (Domenica), probabilmente il più veloce. Ho perso tutto all’inizio, è deludente. Ci sono state tante cose positive ma solo una negativa, che ha rovinato tutto. Lavoreremo su questo per la prossima volta, ma prendiamo comunque punti importanti.

Arriviamo in Austria e Silverstone, due delle mie gare preferite e dove mi trovo bene. Sono entusiasta di arrivarci. Al momento siamo sulla buona strada, ma devo ancora migliorare alcune cose per essere al top. »

“Non avremmo potuto infilare un foglio di carta tra le nostre ruote”

Lewis Hamilton, nella sua battaglia in pista con Carlos Sainz

Lewis Hamilton (Mercedes, 3e): “È stata una bella giornata e un buon fine settimana. Ringrazio davvero la squadra, si sono allenati tantissimo sui pit stop e sulle strategie, erano davvero azzeccati. Come Lando (Norris), ho fatto una brutta partenza e ho perso terreno sulle Ferrari. Abbiamo dovuto lottare per tornare sul podio. Non so dove avrei potuto finire con una buona partenza, probabilmente non così lontano dalle vetture davanti.

Tutti i sorpassi sono stati molto serrati ed è così che dovrebbe essere. Con Carlos (Sainz) ci siamo toccati un po’, ma andava bene, solo al limite. Non avremmo potuto infilare un foglio di carta tra le nostre ruote. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *