Ugo Blanchet, vincitore di Cristian Garin nel primo turno delle qualificazioni del Roland-Garros: “Non potevo sognare di meglio”



Ugo Blanchet, vincitore (6-4, 4-6, 6-1) di Cristian Garin (112°) nel primo turno delle qualificazioni del Roland-Garros questo lunedì: “È una sensazione bellissima, non potevo sognare di meglio soprattutto contro la testa di serie numero 1. Sono davvero felice di esserne uscito, sapevo che sarebbe stata una partita dura e con molta tensione. è riuscito a gestire tutte queste condizioni meglio di lui. Dopo il taglio (interruzione per pioggia)Ho iniziato davvero bene e mi ha aiutato a rilassarmi.

Giocando al Roland-Garros, questa vittoria è necessariamente molto alta. (Yoshihito) Nishioka a Lione, in casa, era la prima volta che vincevo tra i primi 100 (6-1, 6-1 nel 2022), è il numero 1 e questo, forse, lo metterei come numero 2. Quando ho scoperto che giocavo con Garin, all'inizio ero un po' sconfitto, ma mi sono detto che ero anche un bravo tennista, che ho avuto le mie possibilità e di sfruttarle al meglio. Ho provato a mettere le cose in prospettiva e questo mi ha aiutato. È stata una grande esperienza per me. Domani ho un giorno per digerire tutto questo (martedì), prova a fare una buona sessione di allenamento e passa al turno successivo. »

Enzo Couacaud, vincitore del sudcoreano Seong-chan Hong (6-7(7), 6-2, 6-1): “L’inizio della partita è stato complicato, è sempre complicato entrare nel torneo. Non sono partito benissimo, lui ha giocato bene nel primo set. Poi sono riuscito a trovare il mio ritmo, a rilassarmi un po’ e poi le cose sono andate meglio.

Abbiamo la fortuna di essere francesi e in Francia generalmente i campi sono pieni. Anche se prima c’era meno gente nello stadio, i campi erano sempre pieni. Quindi tribunali pieni o meno, personalmente non cambia molto. Non vado mai in campo per perdere, ovviamente vado lì per vincere. Ma ogni giorno basta per la sua punizione, domani (martedì) Cercherò di fare un buon allenamento, trovare il mio equilibrio e preparare la partita nel miglior modo possibile. »

READ  Vincent Kompany, nuovo allenatore del Bayern Monaco: "Per me è emozionante"

“Quando li ho visti arrivare alla fine mi sono detto: 'Dai, arriviamo al secondo!'”

Manuel Guinard, sui sostenitori del gruppo “La Tribune Bleue”.

Manuel Guinard, vincitore dell'ucraino Vitaliy Sachko (6-4, 6-7 (5), 6-1): “Il 6 era pieno, alla fine ha cominciato a cantare e tutto. Non è stata una partita facile, ho avuto un crollo che ho dovuto gestire a metà del secondo set. Dopo è stato a mio favore, sono riuscito a gestire bene il terzo set. Il pubblico mi ha aiutato molto e ha svolto il suo ruolo di terzo uomo in campo.

Ci prepariamo per il Roland cercando di considerarlo un torneo come tutti gli altri. Ora, anche se si respira un clima, sappiamo che siamo a casa, che saremo sempre supportati. L'ho preparato con l'emozione, la voglia di giocare. Questo mi ha sorriso lì, spero che sarà così nei prossimi giri. I sostenitori del gruppo “La Tribuna Blu” è arrivato alla fine, mi hanno anche mandato un messaggio ieri sera (Domenica) dicendomi che avrebbero cercato di venire a spingermi ma che c'erano molti francesi nello stesso momento. Quando li ho visti arrivare alla fine mi sono detto ''Dai, possiamo passare il secondo!''. Onestamente è fantastico. »

READ  Dopo l'infortunio al menisco, Lucas Chevalier è stato sottoposto a un intervento chirurgico

Mathias Bourgue, vincitore del Maé Malige (4-6, 6-2, 6-2): “Ho avuto molti problemi quest'anno, non sono riuscito a sfruttare il buon periodo di allenamento avuto a inizio stagione, ero un po' frustrato, ero davvero reduce da due mesi solidi all'inizio della stagione. L'anno scorso, mi sono visto risalire e tornare nelle qualificazioni del Grande Slam, pensavo davvero di fare la parte più difficile e mi sono infortunato, non potevo giocare o giocare come ne avevo voglia, sono tornato un po' giù un po' e non avevo fatto il taglio.

Ho avuto una wild card all'ultimo minuto. Il sorteggio è quello che è, dipendiamo dal sorteggio, è certo che non ho avuto lo stesso sorteggio degli altri francesi e sono felice di essere stato realista e di aver colto la mia opportunità. Abbiamo giocato su un campo un po' più lontano perché è una partita franco-francese. Spero davvero di giocare sul 14 o su un altro bel campo. La Suzanne-Lenglen? Non sono io a decidere, ma se è il caso mi interessa. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *