Ugo Mola, allenatore del Tolosa: « Abbiamo tanta voglia di giocare questa partita »



“Cosa pensi del fatto che i tuoi giocatori arrivino a questa finale?
Non so davvero più come descriverli poiché sono entrambi in fase con gli eventi che sono in grado di mettere in scena, in fase con la loro generazione e sono sconcertanti mentre tali eventi si avvicinano. A volte, la giocosità, la leggerezza e la spensieratezza prendono sempre un po' il sopravvento perché lo affrontiamo come un gioco e un'incredibile possibilità di ritrovarci lì.

Cosa ti ispira la composizione della squadra del Leinster con una panchina a sei-due?
Non lo so. Forse per la prima volta il Leinster si è adattato a noi, e noi un po' meno a loro. Ci sono già riusciti contro avversari noti per essere forti in attacco. Sicuramente ci mettono allo stesso livello di squadre come La Rochelle in attacco. È ovvio che il rugby moderno, è sempre un po' banale dirlo, si gioca a 23 anni con la costituzione della panchina per concludere la partita che per importanza è quasi identica a quella per iniziarla.

Senti molta fiducia all'interno del tuo gruppo?
Le due squadre sono piuttosto in una dinamica positiva. In questo tipo di competizioni non si arriva alla fine senza innescare dinamiche positive. L'approccio e la capacità di comprendere questo tipo di eventi, nonostante la giovane età di alcuni, ci permettono di avere questa capacità di vivere pienamente questi eventi. Ho avuto enorme fiducia in questo gruppo fin dall’inizio della stagione. Ci sentiamo come se ne avessimo vissuti quattro in uno. Tutti si sentono bene, sono felici di vedersi e vogliono trascorrere del tempo insieme. Non stiamo forzando noi stessi e spero che questo si rifletta nei risultati del fine settimana.

La scelta di mettere in panchina Thomas Ramos con il mandato di Blair Kinghorn è stata difficile?
Non è mai bello eliminare giocatori che meritano altrettanto di iniziare o giocare in questo tipo di eventi. Successivamente accorciamo velocemente la scelta degli uomini a chi inizia ma si tratta più di un equilibrio generale. Forse Thomas era in competizione con qualcosa di più oltre al semplice Blair Kinghorn. È questa emulazione che cerchiamo di avere e di avere una squadra molto efficiente alla fine della partita. Quando ti diverti a guardare le ultime finali, non si giocano con la scala Longchamp. Finiscono con due o tre punti di differenza. Il cannoniere che Thomas rappresenta potrà servirci o almeno portarci la sua esperienza a fine partita.

READ  Matthieu Pavon 5° agli US Open, Victor Perez fuori dal taglio dopo il 2° turno

“Thomas (Ramos) potrà portarci la sua esperienza a fine partita”

Il Leinster ha avuto poco successo negli ultimi anni in semifinale. Ti sei nutrito di queste sconfitte nel 2019, 2022 e 2023?
E' già una finale, non siamo più sul campo delle semifinali. Siamo in terreno neutrale e non a Leinster. Questi sono gli argomenti che potrebbero indurci ad essere piuttosto ottimisti. Di fronte ci sarà un avversario incredibile, la squadra irlandese con il 90% del suo organico. Non gli presentiamo più questa capacità di giocare insieme e di competizione (l'URC) un po' formattati per il loro ritmo. Ma concentriamoci su noi stessi.

Abbiamo evoluto il nostro approccio per non pensare che avremmo ottenuto un risultato diverso con gli stessi ingredienti. Abbiamo cambiato alcune cose, in particolare la composizione della squadra per essere più costanti durante la partita. Ci siamo avvicinati anche al mondo dell'arbitraggio con Mathieu Raynal che è venuto questa settimana per darci la possibilità di non perdere la partita per indisciplina e cose che potrebbero sfuggire al nostro controllo. Abbiamo cercato di controllare quanti più parametri possibili. Sappiamo che possiamo contare solo su noi stessi. Vogliamo davvero giocare questa partita.

Credi, come il tuo omologo del Leinster Leo Cullen, che le due squadre abbiano molte somiglianze?
Come la composizione della loro squadra, si sono sicuramente adattati alle circostanze e alla squadra che hanno incontrato. Brillano in Irlanda già da tempo. Noi, non so se brilliamo ma siamo presenti da tempo all'altissimo livello francese ed europeo. Ci sono molte somiglianze. Decideremo tra una decima stella. Resta da vedere in che direzione andrà a finire.

READ  Ferrari #50 squalificata dopo le qualifiche della 6 Ore di Spa, Porsche #5 si ritrova in pole

Credo anche che siamo i due club che schierano più giocatori in una stagione. Sì, ci sono molte somiglianze, inclusa la stabilità dello staff anche se è arrivato un nuovo allenatore (Jacques Nienaber). Molte cose ci uniscono ma anche alcune cose che ci differenziano. Spero che potremo mostrarlo domani (SABATO).

“Decideremo tra una decima stella. Resta da vedere da che parte cadrà.

Lo Stade Toulousain ha vinto le ultime sette finali in tutte le competizioni. Come spieghi tale successo? È solo una questione di stato d'animo?
La domanda la dovete fare al Real Madrid. Non lo so. Abbiamo avuto questa possibilità nelle ultime quattro con profili e contesti totalmente diversi. Da lì a pensare che siamo più idonei a vincere, non ne sono sicuro. Ma questo gruppo ha la capacità di rispondere in queste partite finali. Hanno tutti maturato maturità ed esperienza. Si tratta di una generazione giovane che ha dato prova di sé nelle ultime finali e che presto vivrà l'undicesima semifinale (e primi 14). Ma non ci è garantito nulla ad alto livello. Non dobbiamo banalizzare queste undici semifinali, è tanto, tantissimo lavoro da parte di questo gruppo che non si arrende. Al di là del suo lato spensierato, rimane sempre competitivo e competitivo. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *