Un cocktail di giovinezza per invertire l'età cellulare in quattro giorni


Secondo uno studio condotto al di là dell'Atlantico, un trattamento antietà basato su diverse sostanze chimiche potrebbe invertire l'invecchiamento cellulare in soli quattro giorni. Inoltre, secondo i ricercatori, questo “cocktail della giovinezza” sarebbe poco costoso e facile da preparare.

E cocktail di giovinezza per iinversione dell'invecchiamento cellulare

Ringiovanire le cellule umane inversione dell’età biologica (o età trascrittomica) è l’obiettivo di numerosi gruppi di ricerca in tutto il mondo. L’esempio più eclatante degli ultimi anni non è altro che quello di Bryan Johnson (46), una figura biotech che cercando di invertire l'invecchiamento del tuo corpo. Tuttavia, per questo si accontenta seguire una dieta rigorosa ed eseguire determinati esercizi fisici.

Uno studio pubblicato sulla rivista Invecchiamento nel luglio 2023 offre il cocktail chimico definitivo o meglio un “cocktail di giovinezza” per ringiovanire i pazienti. Questo progetto è stato condotto in particolare dalla Facoltà di Medicina dell'Università di Harvard (Stati Uniti). ha assunto le basi di ricerca dei due Premi Nobel per la Medicina 2012: Shinya Yamanaka e Sir John B. Gurdon.

Dieci anni fa, il duo ha scoperto un modo per farlo trasformare le cellule adulte in cellule staminali pluripotenti indotte (iPS) attivando fattori di trascrizione chiamati “Yamanaka” nei mammiferi. Poi, un altro gruppo di ricerca ha dimostrato che l’attivazione temporanea dei fattori OCT4, SOX2 e KLF4 nei topi non funzionava nessun impatto sulla loro salute.

pillole medicinali
Crediti: SweetBunFactory / iStock

Lavoro ancora agli inizi

Il team di David A. Sinclair ad Harvard ha quindi lavorato su un modo per applicare il metodo agli esseri umani. In primo luogo, gli scienziati hanno attivato i fattori Yamanaka nei primati e nei topi affetti da problemi di vista, che hanno consentito il recupero dei nervi ottici danneggiati. Anche se promettenti, i risultati sono stati limitati impossibilità di applicare il metodo in maniera generalizzata. Va detto che la terapia genica, che in questo caso consiste nell’introdurre nelle cellule i geni del fattore Yamanaka tramite un virus, è troppo costosa.

READ  Benfica - OM (Europa League): a che ora e su quale canale guardare la partita?

Pertanto, i ricercatori britannici hanno continuato il loro lavoro e hanno concentrato la loro attenzione sulle sostanze chimiche che, secondo loro, potrebbero essere ottenute risultati interessanti quanto la terapia genica più economico. Il loro sistema, infatti, permette di comprendere le differenze tra cellule giovani e cellule di età avanzata (dette senescenti). Analizzando il fattori genetici legati all’invecchiamento e i tassi in tempo reale di compartimentazione delle proteine ​​nucleocitoplasmatiche (NCC), gli scienziati hanno appreso che le membrane nucleari delle cellule senescenti erano permeabili, mentre quelle delle cellule giovani no.

La squadra ha identificato sei cocktail chimici capace di generare un aumento dei livelli di NCC nelle cellule senescenti e invertire così il loro invecchiamento. I test hanno scoperto che l’inversione dell’età biologica potrebbe avvenire in soli quattro giorni, senza incidere sull’attività cellulare, e quindi sulla salute. Per ora è solo questione di test di laboratorio in un contesto cellulare, quindi non sono stati effettuati test su animali o esseri umani. Tuttavia, gli scienziati ritengono che, in caso di successo, un giorno potrebbero arrivare sul mercato farmaci antietà nuovi e, soprattutto, veramente efficaci.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *