Un enorme « ghepardo » vagava per la Cina 1 milione di anni fa


I ricercatori hanno fatto una scoperta impressionante: la più grande specie di ghepardo mai identificata. L'animale, chiamato Acinonyx pleistocaenicus, sarebbe vissuto da circa 1,3 milioni a 500.000 anni fa. Questa scoperta è stata resa possibile grazie all'analisi di fossili di teschi isolati in Cina.

Un ghepardo pesante come un leone

Acinonyx pleistocaenicus era già noto agli scienziati. Fu inizialmente descritto nel 1925 sulla base di una mascella inferiore parziale trovata nella provincia dello Shanxi, in Cina. Tuttavia, gli esemplari scoperti erano limitati e c’era ancora molto da imparare su questa specie estinta.

Esemplari più recenti, tra cui due mandibole recuperate nel 2021 dalla grotta di Jinyuan e parte di un cranio dalle grotte di Zhoukoudian, risalenti a circa 780.000 anni fa, hanno infine consentito ai ricercatori di comprendere meglio le caratteristiche anatomiche di questa specie, compreso il suo peso impressionante fino a fino a 190kg che è paragonabile a quello delle tigri e leoni moderno.

Oltre alle sue enormi dimensioni, Acinonyx pleistocaenicus ha mostrato notevoli somiglianze con i moderni ghepardi africani, in particolare nel disposizione dei suoi denti affilati e affusolati.

IL struttura ossea del muso era anche simile. Nello specifico, nei ghepardi moderni, il muso è allungato e affusolato, con le narici allargate per consentire il massimo flusso d'aria durante la corsa. Questa caratteristica anatomica è fondamentale per supportare le prestazioni di sprint del ghepardo. Questa somiglianza anatomica evidenzia quindi l’importanza della velocità e dell’agilità nello stile di vita di questi antichi ghepardi.

ghepardo
Le dimensioni di questo antico ghepardo rispetto ai ghepardi moderni. Crediti: J. Ye.

Vittima del clima

Tuttavia, nonostante la sua statura imponente, Acinonyx pleistocaenicus sarebbe scomparso all'incirca 500.000 anniprobabilmente a causa di cambiamenti climatici avvenne durante la transizione del Pleistocene medio.

READ  Spada vichinga con iscrizione "molto rara" scoperta in Norvegia

Nel dettaglio, questi cambiamenti climatici portarono a periodi freddi più lunghi e intensi che ebbero un impatto diretto sull'ambiente e sulle risorse alimentari a disposizione degli animali dell'epoca, compresi i ghepardi giganti. In effetti, questi enormi felini avrebbero probabilmente avuto bisogno di vasti terreni di caccia per soddisfare le loro esigenze dietetiche. Queste variazioni climatiche potrebbero aver ridotto la disponibilità di prede o modificato gli ecosistemi in modo tale da rendere difficile la sopravvivenza della specie.

I ricercatori hanno anche identificato un'altra specie di ghepardo estinta, denominata A. intermedius, su uno dei siti studiati. Questa scoperta lo suggerisce Acinonyx pleistocaenicus sarebbe stato sostituito da a specie più piccole nel tempo.

Questa transizione evolutiva potrebbe essere il risultato dell’adattamento a nuove condizioni ambientali o della competizione con altre specie predatrici. Piace ai ghepardi più piccoli A. intermedius potrebbero infatti essersi adattati meglio ad habitat modificati o a prede più piccole e più abbondanti, il che avrebbe permesso loro di prosperare mentre le loro controparti più massicce soccombevano alle pressioni ambientali.

Ces conclusioni forniscono così informazioni cruciali sull’evoluzione e la dispersione dei ghepardi in Eurasia, facendo luce sul successo passato di questa straordinaria stirpe di felini.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *