un impianto avrebbe restituito la vista alle scimmie cieche


In un recente tweet pubblicato sulla piattaforma X, Elon Musk ha menzionato l'esistenza di un impianto in grado di curare la cecità. Tuttavia, non si tratta dello stesso impianto ricevuto recentemente dal primo volontario umano.

Una nuova uscita di Elon Musk

Il 20 marzo 2024, Noland Arbaugh è apparso in un live lanciato da Neuralink. All'età di 29 anni, era il primo paziente umano equipaggiato con il chip sviluppato dall'azienda di Elon Musk. Dato che l'operazione è avvenuta nel gennaio 2024, l'uomo sembra stare benissimo. Ha anche fornito alcuni dettagli in merito le sue impressioni e le sue nuove abilità per circa dieci minuti.

Anche se la sua reputazione è stata danneggiata negli ultimi anni, Neuralink sta cercando di rassicurare i suoi utenti. Critiche ammesse, alcune riguardavano la sofferenza degli animali e più precisamente IL morte di numerosi porcellini d'India, primati utilizzati in diversi test. Elon Musk si è giustamente espresso sul risultato di questo lavoro in un tweet pubblicato il 21 marzo 2024 (vedi sotto).

In attesa di prove concrete

Prima di tutto, dovresti sapere che l'impianto cerebrale ricevuto da Noland Arbaugh si chiama Telepatia. Tuttavia, quella testata sui primati è un’altra versione chiamata Blindsight. Nel suo tweet, Elon Musk ha affermato che d'ora in poi Neuralink lo sarà in grado di curare la cecità e che l'impianto stava già funzionando sulle scimmie. Inoltre, ha detto che durante i test nessuna scimmia è morta o è rimasta gravemente ferita.

READ  Il Betis vince contro il rivale Valencia nella Liga

Ricordiamo che le accuse di sofferenza degli animali risalgono al 2022, quando il Physicians Committee for Responsible Medicine (PCRM) ha presentato una denuncia contro Neuralink al Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti. Questa associazione animalista affermava di possedere 700 pagine di documenti riguardanti test effettuati su ventitré scimmie. Oro, quindici di queste cavie avrebbero perso la vita in estrema sofferenza, a seguito dei test dell’impianto nel periodo 2017-2020. Successivamente, la Food & Drug Administration (FDA) si oppose agli studi sugli esseri umani prima di cambiare idea un anno dopo.

È ovviamente difficile sapere se le dichiarazioni di Elon Musk siano vere, così tanti osservatori attendere prove concrete. Resta anche da vedere se le scimmie che hanno riacquistato la vista l'avessero persa o se fossero cieche dalla nascita. Altre domande riguardano lo stato del nervo ottico delle cavie al momento dell'intervento, le reali capacità dell'impianto Blindsight o anche la futura disponibilità di questo dispositivo.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *