un nastro trasportatore di 500 km per collegare due grandi città


Recentemente, i membri del governo giapponese hanno proposto una soluzione sorprendente per sostituire i camion per il trasporto di merci. Si è parlato infatti di collegamenti automatizzati sotto forma di giganteschi nastri trasportatori su distanze che coprono centinaia di chilometri. È allo studio una prima linea tra le città di Tokyo e Osaka.

Sostituire i camion da trasporto

Come i ristoranti di sushi in cui i clienti possono scegliere i piatti che viaggiano su un nastro trasportatore, il Giappone potrebbe un giorno adottare un concetto simile per sostituire i camion da trasporto. Come spiegato dal quotidiano locale The Japan News in un articolo del 23 giugno 2024, un progetto di questo tipo è stato proposto da una delegazione di esperti del Ministero del Territorio, delle Infrastrutture, dei Trasporti e del Turismo.

Parliamo quindi di collegamenti automatizzati che trasportano le merci come un gigantesco nastro trasportatore. Questi tappeti che mirano a trasportare numerosi contenitori di diverse tonnellate potrebbe emergere entro un decennio. È già allo studio una prima linea tra la capitale Tokyo e la città di Osaka, separate da una distanza di circa 500 chilometri.

Per ora, il progetto è solo all’inizio. In realtà i responsabili non hanno ancora concordato la forma. Alcuni pensano che sia meglio installare un nastro trasportatore lungo le autostrade, mentre altri preferiscono questa opzione scavare tunnel sotterranei dedicati. Una terza opzione è possibile: realizzare una corsia riservata ai carrelli elettrici.

camion
Crediti: danielsbfoto / iStock

Diversi obiettivi per questo progetto di tapis roulant

L’obiettivo principale di questo progetto molto speciale non è altro che la decarbonizzazione del trasporto merci su strada. Alla fine, lo renderà davvero possibile sostituire i 25.000 camion che circolano ogni giorno sulle autostrade giapponesi. Inoltre, una volta realizzato il progetto, l’elettricità sarà l’unica fonte di energia, perché non si tratta di utilizzare combustibili fossili.

READ  Una stella nella Via Lattea lampeggiava a più di 2,3 milioni di km/h

Un altro motivo spinge il Giappone a pensare a questo tipo di possibilità: la piramide delle età. Secondo le stime, la carenza di personale potrebbe mettere a rischio il 30% delle consegne di camion a livello nazionale entro il 2030. Ora è il momento di cercare soluzioni per l’automazione delle attività e limitare i danni legati al dinamismo economico giapponese a mezz’asta. Il paese sembra quindi voler agire abbastanza rapidamente poiché l’emergenza è avvertita. D’altra parte, il Paese dovrà prima pagare. I funzionari stanno attualmente parlando con le imprese di costruzione. Ad esempio, si prevede che il tunnel che collegherà Tokyo a Osaka costerà più di 21 milioni di euro.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *