Un nuovo studio sugli episodi lucidi nei pazienti con demenza


In un lavoro pionieristico presso la Mayo Clinic negli Stati Uniti, i ricercatori hanno messo in discussione un'ipotesi esistente riguardante gli episodi lucidi nei pazienti affetti da demenza. Ma di cosa si tratta esattamente e cosa porta questo nuovo studio?

Definizione di diversi tipi di episodi lucidi

Pubblicato sulla rivista Alzheimer's & Dementia il 2 febbraio 2024, un nuovo studio della Mayo Clinic (Stati Uniti) si concentra sugli episodi lucidi nelle persone che si trovano in stadi avanzati di demenza. Secondo questa ricerca, nientemeno che Il 75% delle persone che hanno episodi lucidi soffrire di Il morbo di Alzheimer, a differenza di altre forme di demenza. Ricordiamo di sfuggita che nei pazienti che hanno perso la capacità di interazioni coerenti, gli episodi lucidi sono a comunicazione considerata spontanea e inaspettata. Tuttavia questi episodi possono manifestarsi attraverso gesti, azioni o anche parole.

Come parte distudio, sono stati intervistati caregiver e badanti. Lo scopo qui era quello di ottenere le loro testimonianze riguardanti episodi di lucidità per provare a classificarli in tipologie. L'obiettivo era determinare se esistessero tipologie distinte di episodi lucidi gli uni dagli altri, ma anche per capire perché e quando questi si verificano. I ricercatori dello studio hanno preso in considerazione diversi criteri, come la durata e la qualità della comunicazione, il livello cognitivo del paziente e la vicinanza alla morte.

Tuttavia, i ricercatori hanno affermato che attualmente è ancora impossibile definire chiaramente i diversi tipi di episodi lucidi che si verificano in momenti diversi o in determinate circostanze, anche se rimane probabile. Quindi, questo lavoro potrebbe risultati dello studio delle domande precedente.

READ  Questi ricercatori hanno unito riso e muscolo di manzo
Persona anziana
Crediti: PIKSEL / iStock

Una conclusione importante

Per i ricercatori della Mayo Clinic, il loro studio contraddice l’idea che gli episodi lucidi possano segnalare una morte imminente. Joan M. Griffin, l'autrice principale dell'opera, ritiene che sia importante che le persone sappiano che questi episodi non lo sono non necessariamente segnali di allarme di morte. Lo specialista sottolinea inoltre che quando si verificano questi episodi, i caregiver possono diventare molto ansiosi, anche se ciò non implica necessariamente una morte imminente.

Infine, la Mayo Clinic sta attualmente continuando il suo lavoro comprendere meglio questo fenomeno. Si tratta anche di comprendere meglio il modo in cui i caregiver affrontano questi stessi episodi e li interpretano. Questo nuovo lavoro dovrebbe aiutare a comprendere le tendenze esistenti e a determinare le conseguenze degli episodi lucidi nel tempo.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *