un pianeta extrasolare temperato a 40 anni luce dalla Terra


Gli astronomi hanno fatto una scoperta entusiasmante: un esopianeta simile alla Terra situato a soli 40 anni luce di distanza. Chiamato Gliese 12 b, questo mondo possiede caratteristiche che potrebbero renderlo abitabile e suscita quindi un notevole interesse nella comunità scientifica.

Un pianeta temperato

Gliese 12 b orbita attorno alla sua stella ospite, una nana rossa Bicchiere 12, in soli 12,8 giorni. Le sue dimensioni sono paragonabili a quelle di Venere, leggermente più piccolo della Terra. Ciò che lo distingue è la sua temperatura superficiale stimata a 42°C, un valore inferiore a quello della maggior parte dei 5.000 esopianeti finora confermati. Questa temperatura è stata calcolata assumendo che il pianeta non abbia atmosfera.

Determinare se Gliese 12 b abbia un’atmosfera, tuttavia, sarà cruciale. Un’atmosfera “terrestre” potrebbe infatti mantenere temperature favorevoli all’acqua liquida e potenzialmente alla vita. Al contrario, un’atmosfera simile a quella di Venere, dove l’effetto serra ha portato a temperature infernali di 400°C, ridurrebbe notevolmente le sue possibilità di essere abitabile. In alternativa, il pianeta potrebbe possedere un’atmosfera completamente diversa da quelle conosciute nel nostro Sistema Solare.

Gliese 12 b pianeta eso-venere
Questa illustrazione mette a confronto la Terra con diverse possibili interpretazioni di Gliese 12 b, da un'atmosfera senza atmosfera a un'atmosfera densa simile a quella di Venere. Crediti: NASA/JPL-Caltech/R. Infortunati (Caltech-IPAC)

Potenziale di ricerca ed esplorazione

Sebbene Gliese 12 b non sia il primo esopianeta simile alla Terra scoperto, è degno di nota la sua relativa vicinanza e le sue condizioni favorevoli per uno studio approfondito. Per fare un confronto, Proxima Centauri b è il pianeta più vicino a noi, situato a soli quattro anni luce. Tuttavia, l’assenza di transiti rende difficile studiarne l’atmosfera e il potenziale di sostegno alla vita. In altre parole, dalla nostra prospettiva sulla Terra, Proxima Centauri b non passa davanti alla sua stella ospite, Proxima Centauri, il che impedisce agli astronomi di utilizzare il metodo del transito per raccogliere dati dettagliati.

READ  L’industria petrolifera era a conoscenza del cambiamento climatico sin dagli anni ’60, afferma il rapporto

Al contrario, come pianeta di transito, Gliese 12 b offre una preziosa opportunità per esaminare le sue caratteristiche atmosferiche utilizzando questo metodo. Ricercatori stima oltre alla sua temperatura moderata e alle sue dimensioni simili a quelle della Terra, questo pianeta è un obiettivo ideale per studi futuri, soprattutto con il telescopio spaziale James Webb. Studiando questo pianeta extrasolare, gli scienziati sperano di ottenere indizi cruciali sulle condizioni necessarie per la vita.

Analizzando l'atmosfera di Gliese 12 b, i ricercatori potranno anche confrontare la sua evoluzione con quella della Terra e di Venere. Ciò potrebbe aiutare a capire perché questi due pianeti, sebbene simili per certi versi, si è evoluto in modo così diverso. Questa ricerca potrebbe anche rivelare come si formano ed evolvono le atmosfere planetarie e quali condizioni sono necessarie per mantenere l’acqua liquida, un elemento essenziale per la vita.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *