un semplice approccio terapeutico potrebbe salvare migliaia di vite


Molto spesso sono gli anziani, le donne incinte o le persone già malate o i bambini ad essere maggiormente esposti alla sepsi. Inoltre, quasi la metà dei casi riguarda bambini sotto i cinque anni e si stima che quindici pazienti su mille soffriranno di questa complicazione durante il loro ricovero. Nessuno però è al sicuro da questa malattia poco conosciuta e particolarmente grave. Nel loro insieme, le cifre raggiungono un numero vertiginoso di 48,9 milioni di casi e 11 milioni di decessi solo nel 2017, ovvero il 20% dei decessi a livello globale. Arginare questa malattia che uccide più del cancro in tutto il mondo la ricerca continua instancabile.

E in effetti, un recente studio ha proprio dato il suo contributo citando un approccio terapeutico molto semplice da attuare che potrebbe salvare molte vite.

Sepsi: cos’è esattamente?

La sepsi, nota anche come sepsi, è a risposta infiammatoria grave e pericolosa per la vita del corpo alle infezioni. Si verifica quando Agenti patogeni (batteri, virus, funghi o parassiti) entrano nel flusso sanguigno e innescano una reazione eccessiva del sistema immunitario. Questa reazione può causare infiammazioni diffuse e danni ai tessuti e agli organi.

Molto spesso inizia con a infezione localizzata (come una polmonite, un’infezione urinaria, una peritonite, un’infezione addominale e perfino una ferita infetta o un dente poco curato), ma non sono rari i casi di meningite meningococcica o di sindrome da shock tossico stafilococcico legati all’uso di tamponi o coppette mestruali O. A causa della mancanza di cure, gli agenti patogeni possono entrare nel flusso sanguigno, portando alla sepsi. Il sistema immunitario reagisce quindi all’infezione con un massiccio rilascio di citochine, che provoca a infiammazione generalizzata. L’infiammazione e la coagulazione anormale del sangue possono quindi interrompere il flusso sanguigno.

READ  Sequestrano i geni del cancro per rivoltare i tumori contro se stessi

Quali sono le conseguenze per il paziente?

I rischi e le complicanze sono molteplici e possono essere molto gravi, soprattutto in caso di shock settico, la forma più grave di sepsi. Questo può effettivamente portare a insufficienza di più organi contemporaneamente (polmoni, reni, cuore, ecc.). Questo fallimento multiorgano richiede quindi cure intensive. Come accennato in precedenza, esiste anche a alto tasso di mortalità e anche con il trattamento, il rischio di morte rimane significativo.

E se i pazienti sopravvivono, possono farlo soffrono di effetti collaterali a lungo termine, come deterioramento cognitivo, stanchezza persistente e dolore cronico. Un’eccessiva coagulazione del sangue riduce anche la circolazione alle estremità e porta alla necrosi dei tessuti. Questa necrosi può quindi richiedere l’amputazione per prevenire la diffusione dell’infezione e salvare la vita del paziente, che lascia anche tracce.

La ricerca quindi continua per una migliore gestione di questa grave condizione. E se un trattamento rapido è essenziale, questo nuovo studio offre una strada terapeutica che potrebbe fare la differenza.

Endocardite batterica e sepsi setticemia
Crediti: Wildpixel/iStock

Un percorso per un migliore trattamento della sepsi

Secondo questo studio condotto congiuntamente dall’Università del Queensland e dal George Institute for Global Healt (entrambi in Australia) e pubblicato il 12 giugno 2024 sul Journal of the American Medical Association (JAMA), il giusto protocollo terapeutico comporterebbe in definitiva un cambiamento molto semplice. Lo dimostrano studi clinici accompagnati da una revisione sistematica somministrazione continua di un antibiotico anziché in numerose iniezioni brevi Potevo salvare migliaia di vite ogni anno.

Per giungere a questa conclusione, i ricercatori hanno cercato di determinare la concentrazione ottimale del farmaco per sconfiggere gli agenti patogeni che causano l’infezione attraverso studi clinici in più di un centinaio di ospedali situati in diversi paesi con migliaia di pazienti e meta-analisi di studi precedenti.

Tuttavia, come spiega il professor Jason Roberts, direttore dell’Australian Research Institute e dell’Herston Infectious Diseases Institute: “ abbiamo scoperto che somministrando queste dosi di antibiotici mediante infusione continua, è possibile mantenere le concentrazioni del farmaco nel sangue e nei tessuti del paziente, con una migliore possibilità di uccidere i batteri. Questo semplice intervento utilizza antibiotici molto comuni. In tal modo, anche i piccoli ospedali dei paesi del terzo mondo saranno in grado di attuare questo cambiamento dosaggio almeno con la stessa facilità degli ospedali che hanno accesso a maggiori risorse nei paesi sviluppati. »

READ  Mangia muffin blu per valutare il tuo microbiota!

Presto negli ospedali?

I ricercatori ritengono di aver ottenuto risultati significativi grazie alla continua amministrazione, con una vita salvata ogni 26 pazienti trattati. Ora sperano che questa ricerca migliorerà la cura della sepsi e quindi aumenterà le possibilità di sopravvivenza dei pazienti.

Come ricorda il professor Jeffrey Lipman, che ha studiato questo argomento per più di vent’anni, “ i medici seguono le linee guida internazionali per curare i pazienti, ma per ora queste raccomandazioni offrono pochissime certezze su come somministrare i farmaci. Grazie al nostro programma di ricerca, i protocolli e le linee guida di trattamento saranno ora più sicuri. Considerando la natura molto semplice di questi risultati e le discussioni che stiamo avendo tra gli ospedali, ci aspettiamo che la maggior parte adotti immediatamente questi cambiamenti. »

Per maggiori dettagli, le cifre provengono da luogo dell’OMS e le conclusioni di questo lavoro possono essere consultate ecco e così via questo link.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *