Un tetto, addii e giudici… Amélie Mauresmo e Gilles Moretton presentano le novità del Roland-Garros 2024



Un mese prima del primo turno del Roland-Garros 2024 (26 maggio-9 giugno), i responsabili dell'Open di Francia hanno tenuto giovedì mattina una conferenza stampa in una sala attigua alla tribuna presidenziale del Court Philippe-Chatrier, per presentare la novità legate a questa edizione, che dovrebbe essere l'ultima per Rafael Nadal, quattordici volte vincitore su questa terra, se deciderà di parteciparvi. Panoramica degli annunci effettuati.

Un secondo tetto operativo dalle qualifiche

Il tetto del tribunale Philippe-Chatrier, in funzione dal 2020, impiega quindici minuti per chiudersi. Quello del campo Suzanne-Lenglen, che sarà inaugurato domenica 26 maggio, prima giornata del sorteggio finale, sembra poter andare addirittura un po' più veloce di così. E potrebbe addirittura chiudersi a partire dalle qualificazioni visto che, per la prima volta, dal 20 maggio, sul secondo campo più grande dello stadio saranno previste partite preliminari.

“La copertura di Lenglen era attesa con impazienzaesulta Amélie Mauresmo, direttrice del torneo; consentirà di poter offrire partite in caso di maltempo, ma anche di ospitare 25.000 persone in totale, sui due campi principali (15.000 sul Chatrier, 10.000 sul Lenglen), quando le condizioni atmosferiche sono avverse. Infine, il Lenglen è ora dotato di illuminazione a LED, come il Chatrier. Ciò fornirà una migliore esperienza per gli spettatori e immagini migliori per le trasmissioni. »

D'altra parte, nonostante questa nuova attrezzatura, non si tratta di pianificare sessioni notturne sul Lenglen. “Lo stadio nel suo insieme non potrebbe assorbire la popolazione del giorno oltre a 15.000 persone da un lato e 10.000 dall'altro, che sarebbero in attesa di entrare sul Chatrier e sul Lenglen. Il crossover sarebbe stato troppo complicato e non avrebbe funzionato in termini di sicurezza. Abbiamo subito escluso questa opzione” ha dichiarato il direttore del torneo.

Nadal lo ha deluso

Rafael Nadal ha ora chiarito che vivrà la sua ultima stagione, dopo annunciato mercoledì che si sarebbe schierato per l'ultima volta al Masters 1000 di Madrid. Sarà così anche al Roland-Garros, dove ha vinto quattordici volte, solo che non è ancora sicuro di essere presente quest'anno. Se così dovesse essere, il Roland-Garros si adatterà. “Incrociamo le dita, per lui soprattutto, anche per noidice Mauresmo. Naturalmente vogliamo dargli il benvenuto di nuovo qui. È a casa, lo sa. Stiamo seguendo da vicino ciò che gli sta accadendo sul campo. Un tributo, nessun omaggio? Dipende molto da lui, soprattutto. Aspettiamo un po' per vedere come evolvono le cose e poi, soprattutto, seguiremo i suoi desideri. » Nadal naviga ancora a vista un mese prima del Roland-Garros.

READ  Cosa ricordare della serie di qualificazioni olimpiche di Shanghai

La possibilità di garantirgli lo status di testa di serie, a causa del suo passato agli Open di Francia, e nonostante una classifica in calo (512° questa settimana), non è stata mantenuta: “Non è attuale, continua Mauresmo. Questo genere di cose (mancato rispetto della classifica mondiale per la designazione delle prime teste di serie) esisteva un tempo a Wimbledon e abbiamo visto che se poteva avere dei vantaggi conteneva anche degli svantaggi. Quindi no, non è un'opzione sul tavolo. »

Giudici di linea in attesa

Dal 2025, l'intero circuito ATP sarà gestito tramite arbitri elettronici, con annunci fatti da una voce sintetica. Non ci sarà più alcun giudice di linea in campo e l'arbitro di sedia non indicherà più le palle foul, ma semplicemente il punteggio. Se il sistema è già in vigore da diversi anni agli US Open e agli Australian Open, Wimbledon e Roland-Garros, che non appartengono al circuito ATP, hanno la scelta: mantenere il sistema in vigore o seguire il movimento attuale.

Nulla è stato deciso, da parte francese: “Chiaramente la domanda ce la porremo alla fine di questa edizioneprecisa Mauresmo. Siamo molto legati alle persone e ai guardalinee. Ma non avremo paura di parlarne durante il debriefing post-torneo. Poi andremo avanti secondo quello che decideremo, ma non sarà la nostra priorità. » Una specie in via di estinzione, i guardalinee non hanno perso la speranza di prosperare ancora un po' sul suolo parigino.

READ  Trofei UNFP: sette giocatori del PSG nella squadra tipo per la stagione 2023-2024 in Ligue 1

Nuovi prodotti, all'ingrosso

“Scopriremo lo stadio nella sua configurazione definitiva, esulta Gilles Moretton, presidente della FFT, per i lavori ormai quasi tutti ultimati. In particolare riapriremo il museo, il “Tenniseum”, anche con il suo auditorium da 300 posti. » Amélie Mauresmo continua: “ Abbiamo rinnovato le aree giocatori (ristorante, spogliatoio), mantenendo i famosi armadietti. Ci saranno anche nuovi arredi nei quattro campi più grandi dello stadio. Il direttore illustra nel dettaglio le altre novità dell'edizione 2024: “Fino ad allora erano dieci le sedute serali, ora saranno undici, aggiungendo quella della prima giornata del sorteggio finale (domenica 26 maggio). Per la prima volta ci sarà anche un torneo junior di tennis in sedia a rotelle, con quattro ragazzi e quattro ragazze. Abbiamo infine voluto rendere omaggio ai nostri campioni, con la creazione dell'Allée du tennis français, tra il Village e Chatrier, che onorerà circa 125 giocatori. »

Se durante le tre settimane di gara sono attesi più di 650.000 spettatori, Amélie Mauresmo punta a un aumento del 50% di presenze per la settimana di qualificazione, ufficialmente denominata Settimana di aperturache permette anche di assistere agli allenamenti dei big del circuito: “Avevamo 50.000 persone l'anno scorso, questa volta vorremmo arrivare a 75.000 e faremo affidamento sull'utilizzo di Lenglen per raggiungere questo obiettivo. »

Ultima domanda alla Signora Direttore, che ne dite di un riequilibrio tra partite maschili e partite femminili per le famose sessioni notturne, riservate quasi esclusivamente al tavolo maschile negli ultimi anni? “Mantengo lo stesso principio, deciderà l’aspetto sportivo, per il manifesto della giornata non impongo alcun obbligo di correttezza. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *