Un viaggio su Marte potrebbe concludersi con la dialisi


L’esplorazione dello spazio, in particolare i viaggi estesi verso destinazioni come Marte, solleva complesse sfide mediche per gli astronauti. Mentre aspiriamo a conquistare nuove frontiere spaziali, è fondamentale comprendere le profonde implicazioni fisiologiche dell’esposizione prolungata a condizioni di microgravità e radiazione cosmica galattica. Tuttavia, recentemente, uno studio dell’University College di Londra ha evidenziato i potenziali effetti deleteri dei viaggi spaziali prolungati sui reni degli astronauti.

Gli effetti dei viaggi spaziali prolungati sui reni

I reni sono organi vitali che svolgono diverse funzioni essenziali nel mantenimento dell'equilibrio interno del corpo umano, chiamati omeostasi. Il loro ruolo principale è rimuovere i rifiuti e i liquidi in eccesso dal sangue sotto forma di urina, un processo cruciale per mantenere una composizione chimica stabile nel corpo. Regolando i fluidi corporei, i reni regolano anche la pressione sanguigna controllando la quantità di acqua trattenuta o eliminata dal corpo.

Oltre alla loro funzione di filtrazione, i reni svolgono un ruolo chiave equilibrio elettrolitico come sodio, potassio, calcio e fosforo nel sangue. Questi minerali sono essenziali per il corretto funzionamento di cellule, muscoli e nervi. Regolando le concentrazioni di questi elettroliti, i reni garantiscono quindi il corretto funzionamento di molti processi biologici.

Sono coinvolti anche i reni regolazione del pH del sangue controllando la quantità di acido e base nel corpo. Questa capacità è fondamentale per il corretto funzionamento degli enzimi e di altri processi chimici nel corpo umano.

Infine, i reni produrre ormoni importanti come l’eritropoietina, che stimola la produzione di globuli rossi nel midollo osseo, e la forma attiva della vitamina D, essenziale per l’assorbimento del calcio e il mantenimento della salute delle ossa.

READ  L’inquinamento da microplastiche degli oceani è stato sottovalutato

Ces organi sono quindi essenziali per il nostro organismo. Sorge allora una domanda, mentre diversi attori si preparano per missioni a lungo termine nello spazio, e in particolare su Marte: riusciranno i nostri reni a resistere?

reni umani
Crediti: peterschreiber.media/iStock

Cattive notizie

Studi recenti condotti dall’University College di Londra (UCL) hanno esplorato questa questione con una profondità senza precedenti, rivelando intuizioni rilevanti per il futuro dell’esplorazione spaziale.

Tra le osservazioni più preoccupanti ci sono le cambiamenti strutturali osservato nei reni degli astronauti e dei roditori esposti alla microgravità e alla radiazione cosmica galattica (GCR), simili a quelli incontrati durante i viaggi su Marte. In assenza della gravità terrestre, tubuli renali responsabili dell'equilibrio del calcio e del sale infatti mostra segni di restringimentoun fenomeno che potrebbe portare a complicazioni come un aumento della formazione di calcoli renali. Inoltre, la ricerca ha rivelato che i GCR possono indurre danno renale permanente e un ridotta funzionalità renale nei roditori esposti a simulazioni di missioni marziane a lungo termine.

I risultati di questi studi evidenziano quindi l’urgenza di sviluppare strategie innovative per proteggere la funzionalità renale degli astronauti durante i viaggi spaziali prolungati. Sebbene la protezione completa contro i GCR possa essere fuori portata con le tecnologie attuali, gli approcci tecnologici e farmaceutici potrebbero offrire potenziali soluzioni.

I dettagli dello studio sono pubblicati in Comunicazioni sulla natura.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *