Urgo, Ankorstore, Enertime: innovazione francese


Les Echos e Statista hanno pubblicato la loro classifica delle aziende francesi non quotate più innovative nel 2024. Groupe Urgo (settore sanitario), Ankorstore (grande distribuzione), Enertime (ambiente)… Molti attori di vari settori di attività hanno basato il loro sviluppo sull’innovazione. Dettagli.

La Francia ospita diverse aziende innovative

Lungi dall’essere monolitico, al contrario, il panorama francese dell’innovazione brilla per la sua diversità. Ci sono aziende già ben posizionate nel panorama economico francese, come Urgo, Brioche Pasquier e Fleury Michon. Unicorni, che prendono il nome dalle “scale-up” francesi del valore di oltre un miliardo di euro, come Ledger, uno dei leader internazionali nei portafogli fisici di criptovaluta, il mercato B2B Ankorstore e l’editore di software Contentsquare. Giovani startup, ovviamente, che puntano sul proprio carattere innovativo per conquistare velocemente quote di mercato in settori spesso ultra competitivi. Ma anche aziende meno attese nell’economia circolare, come lo specialista della rivendita di libri usati online Recyclivre,

In termini settoriali, il digitale occupa – non a caso – il 25% dei posti, seguito da grande distribuzione ed e-commerce e ingegneria/energia/ambiente. Gli analisti notano inoltre, tra i denominatori più prevalenti, l’enfasi posta sulle soluzioni di intelligenza artificiale (AI) tra le aziende premiate. In misura minore è rappresentato anche il settore sanitario, territorio dell’innovazione per eccellenza. In breve, cosa c’è da sperare quando le aziende europee, in un recente rapporto intitolato “Politica dell’innovazione dell’UE – Come sfuggire alla trappola tecnologica media?” », criticati per la loro debole capacità di innovazione e per i loro scarsi investimenti in ricerca e sviluppo, soprattutto rispetto agli Stati Uniti. Nel dettaglio si distinguono diverse aziende.

READ  un pilota automatico a punti per una maggiore sicurezza

Lex Persona domina le classifiche e il settore digitale

È Lex Persona, che domina tra gli esperti digitali. Con i suoi 40 dipendenti e 19 anni di ricerca e sviluppo, il gruppo è leader nel settore della firma elettronica con 34 milioni di firme e timbri all’anno e più di 2.000 clienti. Altri campioni del settore includono l’editore di software Murex e AssesFirst, che sfrutta l’intelligenza artificiale e l’analisi predittiva per supportare le risorse umane.

Grande distribuzione: Ankorstore tiene le redini

Una piattaforma di vendita all’ingrosso online dedicata a negozi indipendenti e marchi di nicchia, Ankorstore è stata fondata cinque anni fa. Con una presenza in 30 paesi europei e oltre 300.000 rivenditori partner, il gruppo ha raccolto 365 milioni di euro dal 2021 e conta 350 dipendenti. La piattaforma offre un catalogo di oltre 30.000 marchi indipendenti. Ankorstore aspira a stimolare l’evoluzione del commercio al dettaglio indipendente come una comunità imprenditoriale completa, riunendo rivenditori, marchi, strumenti finanziari e logistici. In questo segmento, Recyclivre è anche uno dei migliori studenti francesi. La piccola struttura raccoglie i libri in casa e li rivende, impegnandosi a devolvere l’1% del proprio fatturato a cause virtuose.

Il gruppo Urgo, numero uno nel settore sanitario

Urgo è la prima azienda del settore sanitario nella classifica e occupa il 17° posto in questa classifica 2024, dopo essere stata seconda nel 2023. Da molti anni, il gruppo Urgo punta sull’innovazione per differenziarsi in un mondo ultra competitivo. Il gruppo, che deposita più di quindici brevetti all’anno e conta un team di oltre 200 dipendenti dedicato all’innovazione, prevede di investire diverse decine di milioni di euro in ricerca e sviluppo nel periodo 2020-2030. Una mobilitazione impressionante per un’ETI con famiglia azionisti. In questa classifica compaiono anche la Clinique Louis Pasteur, Santéclair e Kayentis.

READ  James Webb conferma che qualcosa non va nella nostra comprensione dell'universo

Enertime, re dell’innovazione nell’ambiente e nell’energia

Si tratta di Enertime, una PMI industriale francese che si impegna nella lotta contro il cambiamento climatico implementando soluzioni nel campo della termodinamica, che è un punto di riferimento nell’innovazione e nell’ambiente. Secondo quanto riferito, l’azienda ha installato più di 15 MW di macchine ORC e ​​pompe di calore in tutto il mondo. Citiamo anche, in questo segmento, Agronutris, specialista in proteine ​​di insetti per l’alimentazione animale, o European Biomass, posizionata vantaggiosamente in questo settore in crescita.





Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *