Valorant – ZE1SH: “I nostri demoni possono giocarci brutti scherzi”



“Dopo aver vinto il Kick-Off, il primo torneo europeo della stagione in poi Valorizzare all'inizio di marzo, tu ti qualifichi solo all'ultimo minuto per gli spareggi della Fase 1, la settimana scorsa. Come spieghi questa ripresa più complicata?
Penso che abbiamo faticato molto durante la stagione perché eravamo davvero stanchi. Con l'Ing (Andrey Sholokhov, capo allenatore), abbiamo iniziato ad assemblare la squadra e a stilare la lista dei provini a fine agosto, poi abbiamo iniziato ufficialmente a giocare con la squadra ad ottobre… Siamo una delle prime squadre ad aver iniziato la preparazione. Il che era normale perché avevamo solo esordienti e dovevamo prepararci bene per la stagione… Ma il programma messo in piedi da Riot non lo permetteva affatto. Perché quando ti qualifichi per una competizione internazionale, non hai davvero molto riposo.

Abbiamo avuto problemi ad entrare nella Fase 1 come nel Kick-off, perché non abbiamo effettuato alcun reset dopo Madrid (dove la Karmine Corp ha partecipato al Masters, il primo torneo intercontinentale della stagione, mentre le altre squadre erano in pausa), non pensavamo ad altro e non potevamo nemmeno lavorare su cose nuove. Eravamo leggermente in vantaggio strategicamente durante il calcio d'inizio, ma mentre eravamo a Madrid, tutti hanno potuto vedere come giocavamo e fare più o meno la nostra stessa cosa. O addirittura talvolta migliorarlo, senza che noi ne abbiamo la possibilità. Invece abbiamo avuto solo una settimana e mezza di pausa per rinnovare il gioco, ma non è bastata.

Hai avuto la sensazione di essere letto più facilmente dalle altre squadre?
Non direi che siamo stati più leggibili… Forse su alcuni punti, ma non su tutto, perché come staff tecnico facciamo un buon lavoro e non lo siamo. Ma quando sei una squadra giovanile, ci vuole freschezza. Dobbiamo assicurarci che non si annoino e che possano sempre provare cose nuove. E penso che davvero non abbiamo avuto quel tempo.

Durante i play-off ti giocherai la qualificazione allo Shanghai Masters (dal 23 maggio al 9 giugno), che otterrai salendo sul podio. Ma a sentirti si potrebbe quasi credere che non sarebbe un regalo…
In realtà, tutto dipende. Il nostro obiettivo è acquisire punti nella corsa per qualificarci ai Mondiali. E per questo ovviamente devi andare a Shanghai, quindi faremo in modo di dare il massimo. Vincendo la fase 1, raccoglieremmo cinque punti e ne avremmo quasi la certezza ai Campioniquindi lo stato d'animo è quello di vincere.

READ  Axel Laurance (Alpecin-Deceuninck): “Spero di poter continuare l'avventura con la squadra”

Ma abbiamo casi concreti di scarse prestazioni. Quando guardi Sentinelle (nella lega americana)che hanno vinto a Madrid quella che per il momento è la competizione più importante dell'anno, sono tornati stanchi da Madrid, non hanno avuto tempo per lavorare, né tempo per resettare… E non si sono qualificati per gli spareggi.

Ogni giorno hai la sensazione che la forza lavoro sia esaurita? Oppure si avverte soprattutto nelle partite ufficiali?
Questo è tutto, in realtà. Per poter lavorare in modo corretto ed efficiente, dormo lì da due settimane. Perché altrimenti trovo che non avrei abbastanza tempo per fare tutto in un giorno. E i miei giocatori sono stanchi anche loro, lo si sente, nelle decisioni individuali, in quello che facciamo…

Hai parlato molto della stanchezza causata dalla tua partecipazione al Masters Madrid… Ma è stata anche la prima grande competizione disputata dal club e dalla maggior parte dei giocatori. Hai imparato qualcosa di positivo da questo?
Ovviamente solo giocando contro le migliori squadre del mondo. Anche il modo in cui abbiamo perso (contro Sentinelle e Paper Rex). Penso che abbiamo avuto molti rimpianti rispetto a Madrid, perché non ci sentivamo sotto le squadre. Abbiamo perso un po’ contro noi stessi. Abbiamo dato la vittoria anche se avevamo tutto in mano per vincere, per inesperienza. Aver sperimentato questo a Madrid, ti aiuta a digerirlo meglio quando ti capita di nuovo durante la fase 1. Ti permette di rientrare dopo la sconfitta contro gli Heretics, per prenderla un po' meno amaramente.

Nel complesso, sei soddisfatto del percorso dei tuoi giocatori da inizio anno?
Penso che stiamo ancora facendo progressi e questo è normale. Nel corso di un anno avrete inevitabilmente periodi di fiacchezza e di picchi, accumulando fatica fisica e carico di lavoro mentale. Quindi siamo tornati giù. Ma è allora che devi metterti un po' in discussione e cercare di capire cosa funziona e cosa no per sapere come ritrovare il tuo vecchio picco e addirittura superarlo.

READ  Il Manchester United si imbatte nel Burnley, il Newcastle schiaccia lo Sheffield United, retrocesso

Spesso la gente mi chiede se penso che la nostra luna di miele sia finita… Ma non credo che esista una cosa del genere. Le squadre che non hanno più picchi dopo le prestazioni di inizio anno è perché non si sono fatte le domande giuste, perché non hanno lavorato sulle cose giuste. Younn (Rocaboy, il mental trainer della squadra) è con noi ogni giorno e tiene traccia dei dettagli, penso che sia importante.

Quando hai vinto il calcio d'inizio, avevi una serie di vittorie pazzesche in allenamento, il che ha aiutato la tua fiducia. Ora che è un po’ meno così, come ti stai adattando?
Guadagnare così tanto è un’arma a doppio taglio. La nostra serie di vittorie prima del calcio d'inizio, avrebbe potuto causarci del male, perché a volte non necessariamente ti rendi conto dei problemi che hai. E puoi prenderti uno schiaffo in una partita ufficiale senza capire. Guadagnando di meno puoi metterti di più in discussione. Penso che abbiamo uno staff tecnico abbastanza maturo e riusciamo a gestirlo abbastanza bene e a far capire ai nostri giovani che si tratta solo di allenarsi, che l'importante è imparare bene da esso. Devi solo distinguere tra giorni di allenamento e giorni di prestazione.

Ti aspetti ancora che questi play-off della Fase 1 siano più complicati di quello che è stato, ad esempio, il Kick-off?
Penso che siano i nostri demoni che possono giocarci brutti scherzi. Anche se abbiamo terminato la stagione con tre vittorie e tre sconfitte, penso che fossimo comunque superiori a quasi tutte le squadre con cui abbiamo affrontato, a parte la FÜT. Abbiamo buttato via molti dei nostri vantaggi, partite che non dovremmo mai perdere. Ci manca esperienza individuale e questo significa che a volte commetteremo degli errori, cosa che in allenamento non faremo mai, perché abbiamo la pressione della partita ufficiale, delle problematiche che la circondano. Non cambierà da un giorno all'altro. Ma questa è l'unica cosa di cui avrei paura. Di noi stessi. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *