Victor Wembanyama eletto all'unanimità Rookie of the Year della NBA



Come potrebbe essere altrimenti? Dopo una prima stagione NBA individuale più che positiva, Victor Wembanyama (2,23 m, 20 anni) è stato logicamente eletto rookie dell'anno questo lunedì. L'annuncio è stato dato in diretta su TNT, prima della trasmissione delle partite degli spareggi in programma in giornata. L'interno degli Spurs è davanti a Chet Holmgren (Oklahoma City) e Brandon Miller (Charlotte). « Wemby » è il primo francese a ricevere questo premio e il sesto giocatore designato all'unanimità (dopo Ralph Sampson, David Robinson, Blake Griffin, Damian Lillard e Karl-Anthony Towns).

Se i San Antonio Spurs hanno chiuso in fondo alla Western Conference (14esimo, 22 vittorie per 60 sconfitte), il numero uno del draft 2023 ha poco di cui lamentarsi. Progredendo nel corso della stagione, Wembanyama ha chiuso con una media – eccezionale per un principiante – di 21,4 punti (46,5% al ​​tiro di cui 32,5% da 3 punti), 10,6 rimbalzi, 3,9 passaggi e 3,6 stoppate (n. 1 della NBA in quest'ultima categoria). . Un primo esercizio segnato da numerosi highlights e diversi successi personali: due triple doppie, compreso uno con 10 muri contro Torontouna partita 40 punti e 20 rimbalzi contro i KnicksE cinque per cinque eccetera.

“Quando guardi le statistiche, dici a te stesso che è completamente pazzesco”, ammirava il suo allenatore Gregg Popovich. Sulla sua scia, il debole collettivo degli Spurs si è progressivamente ritrovato, chiudendo decisamente meglio la stagione (7 vittorie nelle ultime 11 partite). A prova del suo impatto, le superstar dell'NBA che Wembanyama ha incontrato non hanno mai smesso di complimentarsi con lui. “Cambierà il gioco al 100%. Lui è già su questa strada. Sedetevi e godetevi lo spettacolo »aveva ad esempio fatto scivolare Nikola Jokic, mentre Joel Embiid lo immagina battere tutti i record « forse anche I 100 punti di Wilt Chamberlain ».

READ  Vittoria per Benoît Cosnefroy in volata al GP del Morbihan

Dopo aver visto il suo rivale Chet Holmgren vincere i titoli di Rookie of the Month in Occidente a novembre e dicembre, Wembanyama ha proclamato che da ora in poi, “ogni partita sarebbe un messaggio” inviato al concorso. Il prodigio, infatti, ha alzato sensibilmente il suo livello di gioco, collezionando il trofeo per i mesi di gennaio, febbraio e marzo, chiudendo definitivamente la corsa al titolo ROY. Anche il francese è finalista, insieme a Rudy Gobert e Bam Adebayo, per il titolo di miglior difensore dell'annoche sarà annunciato martedì sera.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *