Videogiochi: rilancio di Pro Cycling Manager 2024 e Tour de France 2024



Dopo mesi di tempo grigio, il sole, presagio dell'estate e della Grande Boucle, comincia a fare capolino. Gli appassionati di ciclismo incalliti conoscono questo segnale: è anche il segnale dell'uscita dei due giochi gestionali di ciclismo da Nacon, Giro di Francia 2024 (su PlayStation, Xbox e PC) e Responsabile del ciclismo professionale 2024 (su PC), disponibile questo giovedì. Mettendo sempre il giocatore al centro del gruppo, le due licenze storiche stanno apportando alcuni graditi cambiamenti con le loro nuove opere, anche se il rinnovo è ancora atteso.

Versare Responsabile ciclismo professionista, che permette di giocare nei panni di un manager, la novità principale dell'annata 2024 risiede nella possibilità di poter ora gestire partner e sponsor, che danno ciascuno budget e obiettivi da seguire per la squadra. Abbastanza per portare un po’ più di profondità nella gestione delle sue truppe. Inoltre i menù sono stati rivisti e resi più ergonomici.

Nessun rinnovamento grafico

Per quanto riguarda questa edizione di Giro di Francia, dove ti metti nei panni di un corridore, si distingue per l'arrivo della modalità Criterium. Una modalità multiplayer online, in cui squadre di due persone, ognuna delle quali interpreta un ciclista, competono per vincere le tappe. Anche le popolari modalità “Moment Run” e “Moment Descent” sono state ampliate. Inoltre il database, aggiornato per entrambi i giochi, è stato approfondito con l'integrazione di otto Pro Team e di ulteriori 250 corridori professionisti.

READ  Francia-Canada: a che ora e su quale canale vedere l'amichevole dei Blues?

Basteranno queste piccole aggiunte a soddisfare la fan base più affezionata, che negli ultimi anni non ha nascosto il proprio scetticismo nel vedere la licenza? non iniziare una vera evoluzione ? Non così sicuro: i principi e l'interfaccia restano gli stessi e, soprattutto, la grafica appare ancora datata. Per un gioco con sembianze next gen bisognerà aspettare ancora un po'.



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *