Vincitore di Adrian Otaegui, Antoine Rozner nella top 10



Adrian Otaegui ha finito per far cedere Sebastian Söderberg. Autore di un cartellino da 65 senza errori (sette birdie, di cui uno a 16 e uno a 17), lo spagnolo ha avuto la giornata perfetta per salire inizialmente da solo al comando (-18 in totale), e mettere pressione al suo avversario svedese, leader da giovedì sera. Quest'ultimo pensava di aver strappato uno spareggio convalidando il suo quarto birdie della giornata alle 17 (per due spauracchi), grazie a un putt di oltre sei metri.

Un altro fallimento per Söderberg

Tuttavia, al 18esimo, Sebastian Söderberg ha avuto un crollo e ha lanciato la sua rimessa troppo a sinistra, in zona di rigore. Sul gong, il vincitore dell'Omega European Masters nel 2019 si è quindi concesso un doppio spauracchio che gli è stato fatale. Con questo errore il 33enne, secondo all'Hero Indian Open di fine marzo e all'ISPS Handa Championship di fine aprile, ha segnato il par e soprattutto è sceso sul terzo gradino del podio (-16 totale), dove è accompagnato da Paul Waring e Joel Girrbach.

Già tornato alla clubhouse, Adrian Otaegui dal canto suo ha approfittato di questo colpo di scena finale per festeggiare il quinto successo della sua carriera nel DP World Tour: « Sono molto, molto felice. Ho dovuto aspettare un po' dopo aver finito per vedere cosa stava succedendo nell'ultimo gruppo, ma fortunatamente per me le cose sono andate bene. Ho iniziato cinque colpi in ritardo (sur Söderberg) e ho cercato di non guardare la classifica, di non pensare al risultato. Ho messo bene, mi sono sentito sempre più fiducioso durante la settimana con il putter e sapevo che se avessi avuto qualche possibilità di birdie, avrei potuto potenzialmente realizzarne alcune.« 

READ  Sfida: Gloucester si unisce agli Sharks nella finale

Rapporto Rozner se

Presente anche lui in questa lotta per la vittoria, Guido Migliozzi deve finalmente accontentarsi del secondo posto (-17 totale). Lloyd Jefferson Go si classifica 6° (-15) e precede Brandon Stone, solo 7° (-14). Matthias Schwab e Johannes Veerman condividono quindi l'8° posto (-13). La decima posizione è occupata da Antoine Rozner. Il francese ha concluso in grande stile, registrando un bel punteggio di 67 (cinque birdie), ottenendo la sua prima top 10 sul circuito europeo da febbraio.

Presente in questa top 10 dopo 36 buche giocate, Frédéric Lacroix ha completato il percorso in 71 colpi (quattro birdie, un bogey, un doppio bogey) ed è sceso leggermente al 13° posto (-10 in totale), insieme, in particolare, al suo connazionale , Clément Ordinato. Il 31enne ha realizzato un fantastico round da 66 (sei birdie) durante questo terzo round.

Più avanti, Julien Guerrier si piazza al 23° posto (-8). Romain Langasque è arrivato 35° (-7 in totale). Adrien Saddier è 50°, subito davanti a Tom Vaillant, 56° (-4), mentre Jeong weon Ko chiude il fanalino di coda, in 68° posizione (+11).

READ  “Nel calcio è 50-50”: Jordann Perret racconta la sua esperienza nel campionato ceco



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *