Vittoria senza suspense per Max Verstappen nello sprint di Miami



Come previsto, alla fine ha vinto Max Verstappen di una gara sprint senza suspense questo sabato a Miami. Pur lamentandosi di a “terribile mancanza di presa”, l'olandese ha riparato molto rapidamente la sua Red Bull da un attacco della Ferrari di Charles Leclerc, arrivato secondo. Completa il podio il suo compagno di squadra Sergio Perez.

Questo sprint è stato segnato fin dall'inizio da un incidente che ha coinvolto Lewis Hamilton, le due Aston Martin e Lando Norris, che ha portato al ritiro dell'inglese dalla McLaren e di Lance Stroll. Da segnalare l'ottimo quarto posto di Daniel Ricciardo con il suo Racing Bulls che regala 5 punti importanti per lui e per il Racing Bulls. Solo Lewis Hamilton sarebbe uscito illeso dall'incidente, ma alla fine è stato penalizzato per aver guidato troppo velocemente nella pit lane sotto la safety car. Ha così perso il punto dell'8° posto, cedendolo al giapponese Yuki Tsunoda (Racing Bulls). Altro pilota penalizzato fino alla caricatura, con 35 secondi di sanzione a suo carico… si tratta ovviamente di Kevin Magnussen (Haas) che avrà fatto di tutto per non farsi sorpassare in gara da Lewis Hamilton uscendo di pista più spesso di prima. non.

Non ci aspettavamo molto dall'Alpine al via di una gara sprint dove solo i primi otto hanno conquistato punti. Quasi ci sbagliavamo, Pierre Gasly è arrivato a un passo dal punto (9°) dopo aver fatto una buona partenza prima di beneficiare delle preoccupazioni dei piloti coinvolti nell'incidente alla partenza e di quelli penalizzati alla fine della gara. “Ci è mancato il supporto ed è stato difficile lottare per il sorpasso. E poi ho avuto un problema di sincronizzazione al cambio che mi ha ostacolato in partenza” rimpiangeranno il Rouennais. “Ma rimane il nostro miglior posto dall’inizio della stagione. »

READ  Pourchaire e Grosjean fuori dalla top 10 al Gran Premio dell'Alabama

Per quanto riguarda Esteban Ocon, non c'è nulla da ritenere dall'inizio della giornata di sabato poiché, ancor prima dell'inizio dello sprint, il normanno ha ricevuto una penalità di 10 secondi per aver, uscendo dal box, graffiato il muso del suo Alpine al fianco della Ferrari di Charles Leclerc che si trovava nella pit lane diretta verso la griglia di partenza. Grosso errore. O come rovinarsi una gara prima di averla finita. « Questo è stupido. Non ci siamo capiti con il mio meccanico. Per me potevo andarci e quindi ho cercato altrove. Non c’era nulla da guadagnare da questa uscita mal gestita. è così ma è deplorevole. »



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *