Zlatko Dalic (allenatore della Croazia): “Pronti a battere l’Italia”


“Che stato d’animo ti ritrovi nelle ventiquattr’ore prima di giocare per la tua sopravvivenza in questo Euro?
Sarà una partita difficile, ma siamo tutti in buona forma e pronti a battere l’Italia. A parte Domagoj Vida, che non potrà giocare (è stato colpito alla caviglia durante l’allenamento). Conosciamo la situazione: se non battiamo l’Italia, è eliminazione al termine di questa partita, senza possibilità di proroga. Dobbiamo quindi prendere tre punti per continuare in questo Euro. Non vogliamo tornare a casa così in fretta. Sarà una partita storica.

Condividi il parere di Luciano Spalletti, ct dell’Italia, che ha detto che sarà una partita tattica?
Innanzitutto gli faccio i complimenti per i suoi risultati e per tutti i trofei vinti, compreso il titolo di campione italiano con il Napoli (nel 2023). Sì, sappiamo che l’Italia è una squadra tattica e che il suo punto di forza è la difesa. All’Italia manca solo un punto. Cercheremo di non subire il suo gioco. Dovremo avere pazienza, mantenere la calma e non cadere nella trappola delle provocazioni. Non è questo il vero volto dell’Italia che abbiamo visto contro la Spagna (0-1, 20 giugno). Mi aspetto una formazione titolare più o meno simile. Ma quello che mi interessa è la mia squadra.

A proposito, cosa è cambiato tra la Croazia di oggi e quella dei Mondiali del 2022?
In Qatar abbiamo subito solo un gol, dopo tre partite della fase a gironi (La Croazia era in quella del Marocco, Belgio e Canada). Ivan Perisic era in ottima forma. In Germania i giocatori hanno due anni in più, giochiamo contro avversari molto forti e il problema è che subiamo troppi gol facilmente. Contro l’Italia dovremo quindi fare il possibile per non subire il primo gol. Come è avvenuto durante le nostre prime due partite di questo Europeo.

READ  Carlos Alcaraz torna in circuito e vince a Madrid

Senti molta pressione?
Sì, perché dobbiamo superare questa fase a gironi, per i tifosi che verranno ancora a sostenerci a Lipsia e per il Paese. Ci aspettiamo una squadra italiana aggressiva, ma credo nei miei giocatori, nella loro capacità di fare il nostro gioco, di giocare bene questo tipo di partite e di tornare al nostro obiettivo primario: superare questa fase a gironi. Sono anni che giochiamo partite storiche. Perché per noi ogni partita è storica. »

“Non pensiamo al fatto che questa potrebbe essere l’ultima partita internazionale di Luka Modric”

Mateo Kovacic, centrocampista della Croazia

Mateo Kovacic (centrocampista della Croazia): “Non è la fine della nostra generazione”

« Sarà un piacere per me incontrare alcuni giocatori con cui ho giocato, amici come Jorginho, con cui ho giocato per anni e con cui ho avuto buoni rapporti, dentro e fuori dal campo. (al Chelsea, dal 2018 al 2023). Questa partita non sarà facile perché l’Italia è ben organizzata. Ma sappiamo cosa dobbiamo fare. Non pensiamo al fatto che questa potrebbe essere l’ultima partita internazionale di Luka Modric. Siamo felici che sia con noi in campo. Alcune persone hanno l’età. Ma la cosa più importante è sapere come si sentono e puntare sull’Italia. Domani sarà un onore indossare la maglia della Croazia (Lunedi) serata, contro un’Italia di qualità. Sappiamo che il nostro centrocampo non è più compatto come prima e che il nostro gioco ha sofferto nelle prime due partite. Ma abbiamo ancora una terza partita. Non pensiamo alla fine della nostra generazione ma a questa partita che dobbiamo vincere. »

READ  Podcast “Big five”: i meccanici Orange abbastanza consolidati da battere i Blues?



Source link

Laisser un commentaire

Votre adresse e-mail ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *